Questo malga, aperta dal primo di giugno fino all’ultimo week-end di ottobre, è un posto meno conosciuto rispetto ad altri in Val di Rabbi. Andateci che vale proprio la pena. Malga Polinar si raggiunge lasciando la macchina al parcheggio del Fontanon (facilmente raggiungibile in auto tramite la forestale che si prende subito dopo l’hotel delle Terme, a Rabbi Fonti, sulla sinistra. Ma dovete passare prima delle dieci!) per poi proseguire a piedi. Altra possibilità partire dal parcheggio “le Plaze dei forni” nel fondovalle, seguendo poi tutta la strada forestale per un paio d’ore. Marco Pangrazzi, che è stato per tanti anni all’estero per imparare nuove tecniche, è  il nuovo gestore nonché  casaro, e poi c’è Cristina De Stefani, che si occupa della cucina.

Una camminata piacevole nel verde che dura un’oretta e mezza, di circa 5 chilometri, per lo più pianeggiante su strada forestale: solo un breve tratto centrale risulta essere più ripido e impegnativo. Durante la passeggiata potete ammirare uno splendido panorama sulla valle e sulle montagne circostanti, respirare aria buona e bere acqua fresca dalle caratteristiche fontane in legno che trovate lungo il tragitto.

Tanti i prodotti della malga che si possono acquistare (le mucche rimangono fino a circa metà settembre): formaggio nostrano, il casolet, yogurt, yogurt di capra, robiola di capra fresca e affumicata, l’asni che è una ricetta tipica della Val di Rabbi (si tratta di una ricotta impastata con aglio pepe e sale, affumicata all’esterno) e la ricotta.

Oltre alle vacche, circa una decina, qui vivono felici anche una trentina di capre che producono buon latte per prodotti particolari ed apprezzati. Spesso gli animali all’arrivo degli ospiti sono al pascolo, quindi non sempre si fanno vedere dai bambini… d’altronde si tratta di una malga genuina e non di una fattoria didattica. Ma poi ad un certo punto arrivano anche tra i tavoli!

Per chi ama le cose  buone da mangiare il menú è sfizioso, ma variabile: si cambia spesso a seconda di quello che produce l’orto o dei prodotti a disposizione. Quello che non manca mai: i taglieri di salumi e formaggi, la polenta e spezzatino, praticamente una garanzia. Si consiglia la prenotazione, soprattuto nel weekend, altrimenti, essendoci pochi posti si rischia di non trovare da sedersi. Noi abbiamo mangiato degli ottimi gnocchi di zucca. 

Bella la loro filosofia che vede nei piatti principalmente i loro prodotti: la carne, gli affettati (ottimo anche il carpaccio di manzo) e i formaggi. Nelle giornate di sole è fantastico gustare queste bontà ammirando la fantastica vista sulla valle.

Volendo si può raggiungere la malga anche dal paesino di San Bernardo: un sentiero più breve, ma molto più ripido (800 metri di dislivello in circa 2 chilometri) ecco perché vi consigliamo di salire dalla strada che abbiamo descritto prima.

Uno dei progetti che l’anno scorso Marco ci aveva paventato si è realizzato: è tutto pronto infatti per proporre la caseificazione all’esterno! Quando l’afflusso di gente sarà un po’ consistente Marco farà questa bella sorpresa agli ospiti e porterà fuori dal laboratorio il suo lavoro. 

Per contattare direttamente i gestori di Malga Polinar 📞  Cristina: 347.3197703;  Marco: 350.0369849.

Ecco il video che avevamo girato in questo bel posto con i gestori precedenti:

0 Condivisioni