Oasi del WWF di Valtrigona

Meta d’obbligo della Valsugana Orientale è l’Oasi di Valtrigona, una delle poche oasi del WWF dell’arco alpino, che con il suo Sentiero Natura si presenta come un viaggio attraverso silenziosi boschi di larici e pino cembro alla scoperta della fauna e della flora d’alta montagna, qui sono infatti rappresentate tutte le specie tipiche alpine. L’Oasi si trova a ridosso della Valsugana, nel comune di Telve, in una valletta laterale all’ampia Val Calamento, ai piedi del Lagorai. I 234 ettari di estensione comprendono tutta la Valtrigona e la sinistra orografica della Val Scartazza, con quote comprese tra i 1.600 e i 2.200 metri.
Oasi-WWF-Valtrigona

Si presenta come un vero e proprio museo a cielo aperto, dove sul libro della natura i visitatori possono leggere una storia lunga migliaia di anni. L’uomo è intervenuto sul territorio in modo quasi impercettibile, trasformando solo una parte dei boschi in pascoli. Interamente oltre i 1.600 metri di quota, l’Oasi rimane coperta dalla neve per gran parte dell’anno e se ne consiglia quindi la visita da giugno a ottobre. Per raggiungere l’oasi occorre seguire la strada provinciale che attraversa l’abitato di Telve nella direzione del Passo Manghen per una quindicina di chilometri. Dalla Valtrighetta si prosegue a piedi, lungo il sentiero S.A.T. n° 374, che attraversa la riserva fino a raggiungere la Bocchetta d’Ezze. Senza abbandonare il sentiero, per non disturbare l’ambiente, basta tendere l’orecchio e aguzzare la vista per cogliere la presenza di animali selvatici come caprioli, marmotte e volpi. Si organizzano visite guidate per gruppi e scolaresche su prenotazione.

Per info: wwf@trentinoaltoadige.it oppure valtrigona@wwf.it 0461/231842

E se vi siete persi la puntata del Trentino dei bambini in cui si parlava di questo incantevole posto ecco qui il video:

Info:
tel. 0461 752407
valtrigona@wwf.it
www.wwf.it

Crediti Fotografici @www.visitvalsugana.it

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *