Passeggiata panoramica ed entusiasmante a poca distanza da Rovereto, quella che porta in cima al Monte Zugna – 1834 metri d’altitudine – con vista a 360 gradi sulle principali catene montuose del Trentino. Da Rovereto si sale in auto verso la Campana dei Caduti e si prosegue per 6 chilometri in direzione Vallarsa fino ad Albaredo. Da lì bisogna avere un po’ di pazienza (strada piena di curve, non particolarmente larga) e proseguire per altri 9 chilometri fino ad arrivare al Trincerone.

Il nostro consiglio è di lasciare lì la macchina e di andarlo ad esplorare: questo  sistema (in realtà una ricostruzione) venne realizzato durante la Prima Guerra Mondiale dall’esercito italiano per sbarrare la strada militare che risaliva il monte ed impedì agli austriaci di riconquistare questo territorio.

Da lì si prosegue su strada asfaltata per un pezzo, prima di seguire le indicazioni che portano al cimitero militare di San Giorgio. Tutta la zona conserva le tracce del conflitto bellico e può costituire un importante momento di riflessione e di conoscenza rispetto a quanto accaduto ormai più di un secolo fa. Qui sono state radunate numerose lapidi che erano posizionate nei cimiteri di guerra della zona.Si continua la passeggiata nel bosco, su sentiero forestale non percorribile con i passeggini, alternando tratti tra gli alberi ed altri nelle radure. Dopo nemmeno 45 minuti ed un leggero dislivello, ecco il Rifugio Monte Zugna (1610 metri di altitudine), circondato dal verde. Chi vuole può arrivare fin qui in macchina, su strada asfaltata, o con il passeggino. Sono circa tre chilometri.Il rifugio Monte Zugna attualmente è aperto dal mercoledì alla domenica. Consigliata la prenotazione: 📞 0464 917959. Per chi volesse cenare è possibile farlo all’interno con pernottamento. Noi ci eravamo fermati a pranzare quest’inverno dopo una bella escursione con le ciaspole, QUI il nostro racconto.

A fianco del rifugio c’è l’Osservatorio, gestito dal Museo Civico, aperto in diverse occasioni durante l’estate per ammirare il Sole, i pianeti e a volte anche il cielo stellato.

Assolutamente consigliato proseguire con l’escursione che in un’ora e circa 250 metri di dislivello vi porterà alla cima del Monte Zugna. In una mezz’ora raggiungerete il Parco della Pace, una radura che ospita resti di costruzioni e un sistema di raccolta per l’acqua piovana allestiti dagli austriaci – e poi abbandonati nel 1915 – e i manufatti realizzati successivamente dagli italiani.

Si continua verso la cima, dove c’è la croce, una panchina panoramica e un semicerchio dove potrete trovare tutte le indicazioni e i nomi delle montagne che si possono ammirare da questo luogo privilegiato. Il posto perfetto per un bel picnic con vista!