A Rodengo l’estate non finisce mai

Quella che vi raccontiamo oggi è una bellissima passeggiata fattibile sia in estate che in inverno (qui la versione con la neve), anche con passeggini (ma sempre meglio lo zainetto sulle lunghe distanze!), bambini piccoli con semplici scarpe da ginnastica, senza pericolo alcuno. Sull’altopiano di Rodengo, che offre infinite possibilità. In auto si esce a Bressanone, si imbocca la Val Pusteria fino a Rio Pusteria dove c’è l’indicazione per Rodengo, proseguendo poi fino al parcheggio Zumis a 1725 metri (costo 4€). Già qui la vista è spettacolare….

rodengo

Si prende la comoda strada forestale e in circa mezz’ora passando in mezzo a boschi e immensi prati si arriva a Malga Roner. Qui i bambini possono correre sul prato e giocare con gli scivoli e altri giochi messi a disposizione. Per noi questa malga vuol dire ” merenda” perché al ritorno è d’obbligo fermarsi per assaporare lo strudel di ricotta, di mele o papavero e la deliziosa torta di grano saraceno con i mirtilli e la panna! Gnammy!

image-1

Proseguendo sulla strada principale il percorso si snoda in mezzo a boschi di larici, abeti e prati dove pascolano mucche e cavalli. Un paesaggio che a 360° abbraccia le catene montuose delle Odle e del Sass di Putia. Ci fermiamo incuriositi a leggere i nomi delle cime su una tabella informativa posta in un punto panoramico: il paesaggio sulle Dolomiti è straordinario.

img_1964

Dopo circa un’ora di leggero saliscendi arriviamo ad un crocevia: qui si può raggiungere in cinque minuti il rifugio Rastnerhutte dove abbiamo sempre mangiato benissimo e dove ci sono delle comode sdraio per prendere il sole.

img_2014

Oggi però abbiamo deciso di proseguire ancora una mezzora per arrivare al rifugio Starkenfeld a 1936 metri e approfittando della presenza del loro caseificio abbiamo acquistato subito dell’ottimo formaggio. La giornata splendida invitava a mangiare sul terrazzo ed eccoci davanti agli immancabili canederli al formaggio e alle patate arrostite con uova e speck ! Che soddisfazione, sopra di noi un cielo blu e come rumore solo lo scampanellio delle mucche!

img_2011

Per il ritorno seguiamo la stessa strada, dopo la sosta come promesso al rifugio Roner, ammiriamo ancora l’altipiano di Rodengo e Luson ripromettendoci di tornare per visitare, a Rodengo , il bellissimo e imponente castello, che si erge maestoso quasi a voler proteggere questo luogo incantato. I rifugio sono aperti, se il tempo lo permette, fino ad inizio novembre. Un peccato non approfittarne, no?

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *