L’acqua che scorre, l’acqua che scava, l’acqua che non si ferma! In queste parole è sintetizzata la bellezza del Canyon Rio Sass che sorge a Fondo, in Alta Val di Non (un’ora circa di auto da Trento). Quasi tutto l’itinerario si snoda in un vero e proprio burrone visitabile grazie ad una successione di passerelle e scalette in ferro ancorate alla roccia, che permettono ai visitatori di vedere uno spettacolo della natura: acque vorticose che formano cascate e marmitte dei giganti, fossili di vario tipo, ma anche stalattiti e stalagmiti. Noi ci siamo stati ed è stato un vero incanto!

Il ritrovo per la visita al canyon è di fronte al municipio (dove ha sede la “Cooperativa Smeraldo“) una decina di minuti prima della partenza, il tempo di fare i biglietti e una sosta in bagno, poi via, all’avventura! La visita dura un paio di ore (2,5 Km, 600 scalini per un dislivello di 145 metri) non  è complicata anche se un minimo di allenamento è consigliabile almeno per i bambini.
Il canyon del Rio Sass, incanta con la sua maestosità, il rumore dell’acqua che scava la roccia è quasi assordante e non si può fare a meno di osservarla in un silenzio ammirato. I fossili di cui le rocce sono piene ci raccontano di un passato lontano in cui le nostre montagne erano un grande e immenso oceano. Se i fossili non fossero abbastanza, basta fermarsi un attimo ad ammirare gli antichi guardiani di questo canyon. Chiedete loro consiglio, magari non risponderanno ma sicuramente ci permetteranno di scrutare con attenzione dentro di noi.
20150802_113655In questo Canyon dal paesaggio estremamente vario si passa dalla luce al buio, dalla fitta vegetazione alle alghe in pochi minuti: non sai mai cosa ti aspetterà dietro l’angolo ed è anche in questo che è racchiusa parte della sua magia, un viaggio spettacolare al centro della terra e ritorno passando tra cascate, grotte e piccole e verdi foreste.
20150802_121215Nell’ultimo tratto l’ambiente cambia completamente: finalmente aperto e luminoso, con un verde prato, concedetevi una sosta accanto ad una sorgente ferruginosa ed un vecchio stabilimento termale. Scenografica la diga di sbarramento realizzata con tronchi d’albero alla fine del Settecento.

Il canyon si può visitare solo accompagnati da una guida (due ore circa in totale), muniti di caschetto di protezione e di una mantellina impermeabile, forniti alla partenza. Si torna indietro sullo stesso percorso. Sconsigliato ai minori di 3 anni (se si affronta la visita con bambini di questa età devono essere trasportati negli appositi zaini porta bimbi). Se non riuscite a prenotare una visita, potete percorrere del tutto liberamente la vicina e comunque suggestiva Passeggiata “Al Burrone”.

Se siete  in zona,  La Casa dell’Acqua , museo interattivo, merita di certo una visita.

Info:
Prenotazione obbligatoria al numero 📞 0463 850000 o all’indirizzo e-mail 📧 smeraldo@fondo.it
(l’ufficio è aperto dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 12.30 fino a fine maggio. Le visite si effettuano anche domeniche e festivi!)

Si consiglia di prenotare con qualche giorno di anticipo. Nel caso in cui si prenota per il giorno stesso si accettano solo prenotazioni telefoniche; non è garantita la conferma di prenotazione a chi invia mail dopo l’orario di chiusura dell’ufficio per il giorno seguente!

Tempo di percorrenza: circa 2 ore.

Nei mesi invernali l’ufficio è aperto dalle 9.00 alle 12.30 dal lunedì al sabato; la domenica e i festivi l’ufficio è chiuso. 

Costi (clicca QUI per rimanere aggiornato)
Adulti: 10 €
Bambini dai 6 ai 12 anni: 7 €
Bambini sotto i 6 anni: gratuito
Offerta Family: 2 bambini (tra i 6 e i 12 anni) e 2 adulti paganti: 30,00 €
Gruppi superiori alle 25 persone: 8,00 € + un omaggio ogni 25 persone

Informazioni utili per la visita in sicurezza:

  • Indossate la mascherina per accedere all’ufficio/biglietteria e durante la visita.
  • Igienizzare le mani quando entrate, sono a vostra disposizione i dispenser con la soluzione igienizzante in più punti.
  • Mantenete la distanza di sicurezza di ca. 1,5 metri dagli altri nuclei famigliari durante la visita.
  • Indossate comode calzature da trekking o da ginnastica pesante.
  • Portatevi una giacca a vento o una mantellina impermeabile per ripararvi dagli schizzi d’acqua. Al momento non è ancora possibile metterle a disposizione.

Maggiori info: https://bit.ly/Visita_Sicura

Cosa fare nei paraggi, esperienze e luoghi da scoprire:

La “Casa dell’Acqua” di Fondo
Passeggiata del Burrone di Fondo
Pradiei: da Romeno al lago Smeraldo
Lago Smeraldo e l’orto botanico
Dentro la montagna: il Gampen Bunker