Una via veramente spettacolare per godere le meraviglie dell’alta quota ma con un dislivello minimo e alla portata di tutti? Ecco l’escursione che fa per voi! Magnifici panorami verso il massiccio del Latemar, il Corno Bianco e il Corno Nero, con alle spalle l’incantevole massiccio del Catinaccio, anch’esso come gli altri appartenenti al patrimonio UNESCO delle Dolomiti.

La gita che vi proponiamo fa parte in realtà del più lungo Tour di “Re Laurino” della Val d’Ega (QUI per scoprire l’itinerario ad anello completo). Ma per chi non vuole percorrere l’intero circuito crediamo che questa sia davvero la parte più bella e spettacolare, che da sola vale l’uscita.

La partenza é fissata al centro del paese di Nova Levante. Da qui, per la gioia dei bambini, si prendono in successione ben tre diverse telecabine: la Cabinovia Laurin I che porta alla Malga Frommer e poi la cabinovia Laurin I König & II che porta direttamente al Rifugio Fronza alle Coronelle/ Laurins Lounge da dove il nostro percorso ha inizio.

Da qui intraprendiamo il sentiero “Hirzel” (segnavia n. 549 prima e 552 poi). Il tracciato prosegue praticamente pianeggiante (si parte dai 2337 m. di altitudine del Rifugio Fronza e si arriva ai 2200 m. di quota del Rifugio Paolina) su sentiero a tratti sassoso e a tratti roccioso. Non si tratta di un percorso impegnativo, ma serve un passo sicuro per intraprenderlo. No ai passeggini.

Il panorama che si aprirà ai vostri occhi è da incanto. Sempre scortati dall’imponente massiccio roccioso del Catinaccio potrete ammirare le più belle montagne della zona: il Latemar, il Corno Bianco e Nero, il Cevedale, fino alle Dolomiti di Brenta. Se siete fortunati come lo siamo stati noi sarete anche scortati da simpatiche marmotte a fare da capolino lungo la strada e da avventurosi stambecchi che vi osservano dall’alto.

Dopo circa un’ora, un’ora e trenta di cammino giungerete al Rifugio Paolina, da dove si può godere la magnifica vista sulla terrazza panoramica. L’ultimo tratto, prima di arrivare al Rifugio Paolina (a quota 2015 metri) vi riserverà una bella sorpresa: il passaggio sul sentiero attraverso una sorta di canyon, riflesso della storia geologica di quel territorio e scenario naturale incantevole.

A questo punto potete rientrare percorrendo a ritroso il percorso d’andata, oppure continuare lungo il Tour “Re Laurino”. Altra alternativa valida è raggiungere in circa 45 minuti seguendo il sentiero 539 la famosa aquila di Christomannos e in un’altra mezz’ora il rifugio Roda di Vael (QUI il nostro racconto) e godere del bellissimo panorama che si può ammirare.

Se decidete di rientrare sui vostri passi verso il Rifugio Fronza alle Cornonella potreste fermarvi a pranzo presso il Laurino Lounge, dove ogni giorno su prenotazione potete degustare un brunch molto speciale con vista (340.7737210). I piatti invece sono proposte rivisitate di piatti tradizionali, molto gustosi.

Per maggiori informazioni: www.carezza.it

 

0 Condivisioni