Scuola materna: al via le iscrizioni

Da venerdì 1 febbraio a  venerdì 8 febbraio 2019 , sarà possibile iscrivere i bambini alla scuola materna per l’anno scolastico 2019-2020. E, per chi richiede presso i Caf Cisl il calcolo dell’Icef (l’indicatore provinciale che riassume la condizione economica del nucleo familiare) ci sono importanti agevolazioni sia per il prolungamento d’orario, che per la mensa e i trasporti. Ma vediamo prima le modalità di iscrizione.

ISCRIZIONE

Possono essere iscritti i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 gennaio 2020 e fino all’età dell’obbligo scolastico (i bambini nati dal 1 gennaio 2014 al 31 gennaio 2017).

PRE-ISCRIZIONE
I genitori dei bambini nati nei mesi di febbraio e marzo 2017, interessati alla frequenza anticipata della scuola dell’infanzia dal gennaio 2020 possono inoltrare la domanda di pre-iscrizione.
Questa domanda consente di acquisire la precedenza nell’assegnazione dei posti disponibili per gennaio 2020.
La domanda andrà confermata nel periodo dal 1 al 7 ottobre 2019.

Per favorire la conciliazione famiglia-lavoro, sarà possibile iscrivere i bambini in una scuola diversa da quella dell’area di residenza. Lo stesso bambino non può essere iscritto contemporaneamente in più scuole dell’infanzia e/o anche in una scuola primaria.

INFO UTILI ISCRIZIONE
Uno dei genitori o chi esercita la responsabilità genitoriale può iscrivere il bambino in una sola scuola dell’infanzia, riferita alla propria zona di utenza (zona di domicilio/residenza). Lo stesso bambino non può essere iscritto contemporaneamente in più scuole dell’infanzia e/o anche in una scuola primaria.

Il bambino può essere iscritto in una scuola diversa da quella dell’area di utenza in questi casi:

  • entrambi i genitori lavorano e almeno uno dei due lavora nell’area di utenza della scuola scelta dalla famiglia
  • entrambi i genitori lavorano e il bambino è accudito dai nonni, che abitano nell’area di utenza della scuola scelta dalla famiglia

ISCRIZIONE ON-LINE

Per iscrivere i propri figli alla scuola dell’infanzia è necessario:

  • accedere al servizio di iscrizione on line   utilizzando le credenziali  SPID    (Sistema Pubblico di Identità Digitale  ) del genitore o con Tessera Sanitaria/Carta Provinciale dei Servizi, utilizzando lo specifico lettore. Se la Carta non fosse stata ancora attivata, si deve provvedere all’attivazione presso uno degli sportelli abilitati dei Comuni, sportelli periferici della Provincia e Distretti sanitari dell’Azienda Sanitaria
  • compilare le schede predefinite che il sistema online presenta in seguito all’accesso (molti dati risulteranno già inseriti per facilitare la procedura di compilazione)

Le famiglie potranno avvalersi del supporto delle segreterie sia per le informazioni, che per la compilazione telematica. Per eventuali problemi tecnici relativi all’accesso, consultare la sezione Faq  del portale dei servizi o contattare il numero verde 800228040 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 17:00).

Per informazioni in merito al sistema Spid e alla richiesta è possibile collegarsi al portale dell’Agenzia per l’italia digitale all’indirizzo www.spid.gov.it e in alternativa è ancora possibile utilizzare la Tessera sanitaria/Carta Provinciale dei Servizi, in precedenza abilitata presso gli sportelli presenti sul territorio (sportelli periferici della provincia, comuni, azienda provinciale per i servizi sanitari). In questo caso al responsabile del bambino, dopo aver inserito la propria carta provinciale dei servizi (C.P.S.) nel lettore, è richiesto il PIN (codice personale) fornito in fase di attivazione della carta; l’utente è riconosciuto dal sistema e in modo sicuro può cominciare la compilazione del modulo d’iscrizione.

L’utilizzo di questi sistemi sostituisce, con il medesimo valore legale, la firma autografa apposta sul modulo cartaceo inoltre consente di recuperare automaticamente dall’Anagrafe unica dello Studente la maggior parte delle informazioni già note all’amministrazione, con una semplificazione nella compilazione dei dati.

Come compilare la domanda

Il modulo di domanda d’iscrizione online è composto di alcune sezioni. Attraverso una procedura guidata  si passa alla compilazione dei dati anagrafici del bambino, alla scelta della scuola, le indicazioni delle priorità di accesso, le richieste dei servizi quali il prolungamento d’orario o l’utilizzo dei trasporti, ai dati anagrafici dei responsabili. La maggior parte dei dati richiesti sono apposti automaticamente dal sistema, ma è sempre possibile per l’utente rettificare tali informazioni.
Al termine della compilazione, la domanda d’iscrizione pervenuta automaticamente alla scuola dovrà essere convalidata.

Come controllare la domanda inviata

La domanda d’iscrizione può essere consultata, accedendo allo stesso servizio, tramite l’apposita funzionalità di ricerca. La domanda è visibile al solo richiedente. All’indirizzo di posta elettronica, indicato in fase di compilazione, saranno inoltre ricevuti i messaggi che indicheranno la presa in carico della domanda d’iscrizione da parte della scuola e la sua elaborazione.

Numero verde

Per eventuali chiarimenti inerenti la procedura sul portale dei servizi al cittadino è possibile contattare il numero verde: 800228040 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 17.

Per informazioni sulla nuova tessera sanitaria-carta provinciale dei servizi (C.P.S.) premere il tasto 1 dopo l’annuncio del risponditore automatico.

ISCRIZIONI CON MODULO CARTACEO

Le famiglie impossibilitate all’inoltro della domanda con il sistema online possono presentare direttamente alla scuola utilizzando il modulo di iscrizione/reiscrizione o preiscrizione.
Il modulo di iscrizione è scaricabile:

  • per le scuole dell’infanzia provinciali da www.modulistica.provincia.tn.it e da www.vivoscuola.it/iscrizioni-infanzia (sezione Modulistica, qui a destra in questa scheda informativa)
  • per le scuole dell’infanzia equiparate, dai siti web delle singole scuole e/o delle relative associazioni (sezione A CHI RIVOLGERSI di questa scheda, qui a lato)

Il modulo di iscrizione nella versione plurilingue è disponibile dal 1 febbraio per la compilazione e il download tradotto in lingua inglese, tedesca, spagnola, francese, araba, rumena, albanese, urdu.

BUONE NOTIZIE PER L’ORARIO PROLUNGATO 
Rispetto all’anno scolastico 2018/12019 le tariffe per usufruire del servizio di orario prolungato (anticipo e posticipo, a seconda della disponibilità della scuola) saranno diminuite circa del 18%.

La tariffa mensili  per un’ora giornaliera di prolungamento andrà da un minimo di 7,5 euro ad un massimo di 20 euro. Per due ore di prolungamento dai 15 ai 40 euro al mese, mentre per le tre ore giornaliere la tariffa sarà dai 22,50 ai 60 euro mensili. Le tariffe agevolate in base al modello Icef, potranno essere ridotte in base al numero di figli appartenenti al nucleo familiare di riferimento. Chi procede con il calcolo dell’Icef e ha un secondo figlio che richiede l’orario prolungato, potrà usufruire dello sconto del 50% sulla tariffa calcolata; per il terzo figlio che richiede il servizio, invece, si ha la gratuità.

Vediamo di rispondere quindi alle domane più frequenti:

  • cos’è l’Icef? E’ l’indicatore provinciale che riassume la condizione economica del nucleo familiare). non c’è nessun obbligo a calcolare questi indicatori, ma è necessario farlo per accedere alle prestazioni agevolate sia a livello provinciale che nazionale. In caso di mancato calcolo verranno applicate le tariffe massime.
  • come si calcola l’Icef? In maniera semplice grazie al personale di Caf Cisl, che vi aiuterà GRATUITAMENTE passo a passo per capire quali siano le agevolazioni a cui avete diritto. Caf Cisl è presente a Trento, Arco, Borgo Valsugana, Cavalese, Cles, Malè, Mezzolombardo, Pergine, Riva del Garda, Rovereto, Tione. Informazioni e appuntamenti: numero 0461 215120
  • quando si può chiedere il servizio di orario prolungato? Entro la scadenza delle iscrizioni, cioè il 31 gennaio 2019. La scuola provvederà quindi a capire se si può attivare il servizio (con un minimo di 7 bambini) ed entro aprile ne darà la comunicazione. A quel punto si procederà con il pagamento.
  • chi ha già calcolato l’Icef quest’anno (ricordiamo che va rifatto ogni anno all’inizio di luglio) cosa deve fare? Non occorre riportare tutte le carte relative a redditi e patrimoni, ma bisogna comunque ritornare ad un Caf Cisl per il calcolo dell’indicatore Icef relativo all’orario prolungato. Come dati verranno riutilizzati quelli già consegnati.
  • chi non ha ancora fatto l’Icef? Deve prendere appuntamento in uno dei Caf Cisl, portando questi documenti. L’Icef calcolato varrà solo per l’orario di prolungamento, mentre per le agevolazioni relative alla mensa e al trasporto casa-scuola bisognerà presentare la nuova domanda unica a partire dal 1 luglio 2018 per procedere con il nuovo calcolo.

Informazioni e appuntamenti: Cisl Servizi tel. 0461 215120

Fonte  © www.vivoscuola.it

3 CommentiLascia un commento

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *