Questo antico laghetto naturale, che sorge ai piedi della Paganella, negli ultimi anni ha cambiato molto il suo aspetto grazie a varie opere di riqualificazione del territorio circostante e alla realizzazione del percorso completo intorno al lago. Le sue acque hanno un caratteristico colore verde scuro dovuto alla flora sommersa che fa da habitat naturale perfetto per molte specie di pesci. Il lago infatti, soprattutto al mattino presto è frequentato da molti pescatori.

Già da qualche anno è stato aperto anche il centro di wakeboard, il Lake Line Terlago, gestito dai proprietari del bar che offre tavolini, sdraio, pouf, una bella veranda ed un piccolo parco giochi.

Il  centro sportivo offre una vasta varietà di corsi, dai principianti agli appassionati più esperti e anche per i più piccoli (qui la nostra esperienza).
Noi siamo arrivati a piedi dal paese di Terlago, ma per chi lo raggiunge in auto, trova un parcheggio comunale gratuito, predisposto anche per camper che conduce in pochi minuti al bar Lido dove parte la nostra passeggiata su un comodo sentiero battuto tra alberi e cespugli, percorribile anche in mountain bike .

Se i vostri bambini sono dei piccoli esploratori non dimenticatevi lente di ingrandimento e binocolo perché potreste incontrare insetti interessanti e curiosare tra gli alberi per capire dov’è l’uccellino che cinguetta a gran voce.
Per percorrere il primo lago ci vorrà circa mezz’oretta, ma se avete bambini curiosi di insetti, piante e uccellini raddoppiate i tempi.  Intorno a noi possiamo ammirare un paesaggio naturale con una ricca vegetazione dalle molteplici sfumature di verde e delle divertenti piattaforme di roccia dove poter salire e scendere.

Dopo circa venti minuti di tranquilla camminata si arriva ad una spiaggetta di piccoli sassi bianchi proprio sotto al bar del camping “Lido Lillà”;  dove, in estate, ci si può fermare anche per prendere il sole.

Dopo una breve sosta, riprendiamo la nostra camminata, all’ombra degli alberi si sente la fresca aria caratteristica della zona, l’Ora del Garda che soffia prevalentemente nel pomeriggio. In pochi minuti arriveremo alla fine del giro lago, volendo si può proseguire, attraversando la strada all’altezza del ponte, sulla ciclabile che costeggia il secondo lago di Terlago e che conduce per chi volesse fino a Riva del Garda. (qui il nostro racconto)

Come raggiungere il Lago di Terlago: da Trento, percorrendo la strada del “bus de Vela” sulla strada della Gardesana, si può giungere al lago o uscendo a Cadine (appena dopo la prima galleria) e seguendo le indicazioni per “lago di Terlago” passando davanti al Ristorante Pizzeria Lillà. In alternativa continuate sulla strada della Gardesana e scendete in direzione Terlago.

Altri posti da visitare nei dintorni :