Uno dei simboli di Arco è sicuramente il suo castello, che si erge sulla rocca sovrastante il centro storico e che è ben visibile sia per chi proviene da nord che per chi proviene da sud offrendo un punto privilegiato per godersi uno splendido scorcio. Esiste tuttavia un altro posticino dove la vista è ancor più spettacolare e da cui si può ammirare in tutta la sua magnificenza il panorama sulla “Busa“, la piana che si apre attorno al corso del Sarca e arriva fino al Lago di Garda: questo punto è la croce dei Colodri, che sorge sulla sommità dei monte da cui prende il nome.

Una gita quassù è davvero un must e quando ci sarete stati una prima volta non vedrete l’ora di ritornarci. Ci si può arrivare a piedi partendo dal centro di Arco e passando dalla Chiesetta in località Laghel (se volete provare ad arrampicare in falesia in zona leggete QUI ) oppure salendo lungo la via ferrata che si trova sul versante opposto della montagna.

Il Colodri è noto agli appassionati di arrampicata per le sue pareti, ma grazie alla facile via ferrata potrete portarci anche i bambini in tutta sicurezza e con piena soddisfazione di tutta la famiglia. Noi ci siamo affidati a Mauro Girardi, guida alpina e fondatore di Mmove-into Nature, team con esperienza ventennale nel settore outdoor le cui attività sono particolarmente apprezzate anche dalle famiglie.

Il punto di ritrovo per l’escursione lungo la ferrata è ad Arco, ai piedi del Monte Colodri,  versante est, presso la piscina in località Prabi (Ci siamo stati anche noi, leggi QUI). Arrivando da Trento e Rovereto si va verso il centro di Arco e si svolta a destra subito dopo aver oltrepassato il ponte sul Sarca. Da qui si prosegue per circa 1 chilometro fino ad arrivare alla piscina comunale. È proprio qui che si trova anche il quartier generale di Mmove e che potete lasciare la vostra auto.

Se avete già esperienza potete anche solo noleggiare il kit per ferrata, altrimenti l’appuntamento, da marzo a fine ottobre, è fissato per il giovedì pomeriggio alle ore 14 con la “Family Ferrata“: in questo caso avrete a vostra disposizione anche una guida alpina che vi accompagnerà per tutto il pomeriggio aiutandovi nella tecnica ma anche illustrando a tutta la famiglia le peculiarità del percorso e le regole di sicurezza.
La ferrata del Colodri, nata come discesa per i climbers, è un sentiero attrezzato adatto a tutta la famiglia (bambini dai 5 anni, purché amino camminare in montagna) che si percorre in un’oretta e regala una visuale spettacolare su tutta l’area sottostante.

Ai bambini piacerà arrampicarsi e tenersi occupati ad agganciare e sganciare i moschettoni, aggrapparsi ai fori nella roccia creati dall’acqua e dal ghiacciaio (la zona è molto interessante anche dal punto di vista geologico, con i campi solcati e altri fenomeni di carsismo ben visibili soprattutto nella parte alta del percorso), ma anche salire le scalette di ferro e, perché no, sentirsi grandi e provare il brivido della vertigine guardando giù!

Già perché la ferrata è talmente scenografica e coinvolgente che sarà quasi un peccato rendersi conto di essere già arrivati sulla sommità del Colodri… il panorama, quasi a 360°, che si aprirà di fronte ai vostri occhi spazia dalla valle del Sarca, alla rupe del Castello di Arco, al Monte Brione fino ad arrivare, naturalmente, al Lago di Garda con tutte le montagne  che lo circondano.

Quassù noi abbiamo trovato anche delle caprette ed un caprone ad attenderci, intenti a brucare dei cespugli e per nulla intimoriti dalla nostra presenza.

Camminando altri 10 minuti sui campi solcati siamo giunti sulla vetta del Colodri, contrassegnata dalla grande croce di ferro mèta di tanti escursionisti.

Si scende a questo punto con una gradevole passeggiata verso la valle di Laghel, altra soleggiata località immersa negli uliveti, lungo la via del Calvario, una stradina lastricata dove sono visibili le stazioni della via Crucis e si prosegue verso il centro storico di Arco per fare infine ritorno al punto di partenza.

Le guide di Mmove propongono un calendario settimanale di attività, anche dedicate alla famiglia, tutte prenotabili anche online direttamente dal loro sito: il lunedì pomeriggio è dedicato al family climb, il giovedì alla family ferrata, ma ci sono anche il trekking fluviale lungo il Sarca, il canyoning e la canoa. Lo scopo è quello di offrire ai bambini una giornata all’insegna dell’avventura e di avvicinare le famiglie a nuovi modi di vivere la natura, con rispetto e nuovo entusiasmo.

A riprova di quanto bambini e famiglia siano importanti nel progetto di Mmove, non possiamo non nominare i loro apprezzatissimi e sempre fully booked camp estivi all’insegna dello sport, della natura, dello spirito di gruppo e della qualità delle attività offerte, ogni giorno diverse e sempre interessanti e stimolanti. Tutti gli Adventure Camp (divisi per età: 8-10 e 11-14 anni) di Mmove culminano nella notte in tenda, il momento più atteso da tutti i bambini e ragazzi.

Per prenotazioni e informazioni sulle attività contattate Mauro ed il suo team MMOVE ai seguenti indirizzi:

📞334 2193862
📧 info@mmove.net
🌐 www.mmove.net