Lago di Garda: meravigliosa Ponale

La Strada del Ponale è uno dei più affascinanti sentieri panoramici d’Europa. Anche se sono tutte belle le passeggiate sul Lago di Garda, la regina incontrastata delle escursioni top è questa. Splendida, soprattutto in primavera o in autunno durante la settimana  (non fatela mai d’estate nelle ore centrali, perché il sole picchia, e in ogni caso attenzione ai tanti bikers sempre in transito!).

COME ARRIVARE

Noi abbiamo lasciato l’auto al comodo parcheggio Monte Oro (2€/h, max. 15€/giorno), nei pressi della Centrale idroelettrica,  a circa dieci minuti a piedi dall’inizio del percorso, che si trova poco più avanti sulla destra, in direzione Limone.  Prima di partire ci siamo concessi anche un giretto lungo il molo del centro di Riva, sempre affascinante con lo sbrilluccichìo del lago fin dalle prime ore del mattino.

IL SENTIERO “GIACOMO CIS” (STRADA PONALE)

Si costeggia quindi per qualche centinaio di metri il lago e prima della galleria si imbocca il sentiero “Giacomo Cis”, ovvero la Ponale, quella che una volta era l’unica strada che collegava Riva del Garda con la Val di Ledro.

Un percorso bellissimo, che permette di salire di quota camminando su una strada scavata a picco sul lago nel  fianco della montagna, con vedute davvero da mozzare il fiato. Nuova anche l’installazione di alcune fontanelle lungo il tracciato, utilissime soprattutto nelle ore più calde!


Fattibile con un buon passeggino da trekking, ma secondo noi è decisamente più comoda da percorrere con lo zainetto portabimbi perché vi sono alcuni passaggi più stretti e comunque, non appena comincia la stagione turistica, c’è un via vai continuo di persone e bici.

I recenti lavori di manutenzione hanno implementato la separazione dei tratti pedonali e ciclabili, per una maggiore sicurezza, ma è comunque consigliabile tenere vicini i bambini.

Dopo un’oretta di passeggiata in costante leggera salita, tra gallerie e resti di fortificazioni militari, troverete il ristorante/bar Ponale Alto Belvedere (aperto solitamente tutti i giorni a partire da aprile e fino a fine ottobre), con la sua bella terrazza panoramica dalla quale non solo potrete ammirare il lago ma anche la cascata poco più sotto (la si può raggiungere scendendo verso il porto antico, imboccando il sentiero sulla sinistra, qualche decina di metri oltre il bar. Tuttavia è assolutamente sconsigliato a chi ha bambini piccoli perché molto ripido ed ostico).

Potrete scegliere un bel tavolo al sole dove gustare primi piatti espressi, insalatone, panini e ottime torte fatte in casa o anche solo dissetarvi.

VERSO LA VALLE DI LEDRO

Poco dopo il ristorante troverete un bivio: andando a destra, dopo una serie di tornanti, su strada asfaltata arriverete a Molina di Ledro (10 i chilometri totali, da Riva), mentre a sinistra continuerete a costeggiare il lago fino ad arrivare in un’altra mezz’ora all’abitato di Pregasina (quasi 6 chilometri in totale).

Per chi vuole raggiungere a piedi la Val di Ledro consigliamo di andare comunque a sinistra al bivio e subito dopo il ponte prendere sulla destra la mulattiera che entra nella valle. In questa maniera eviterete di dover camminare per un tratto sulla statale, oltre a poter vedere per terra i segni dei carri e degli zoccoli dei cavalli, impiegati una volta nel tragitto, ma anche la centrale idroelettrica abbandonata all’interno della quale ora crescono rigogliose le piante. La mulattiera si collega quindi alla pista ciclopedonale della Val di Ledro: attenzione che il pezzo tra Biacesa e Pré è piuttosto ripido.

Belle tutte e due le varianti, anche se la prima volta il nostro consiglio è di andare verso Pregasina: in un paio d’ore ci arriverete tranquillamente godendovi tutte le bellezze di questo itinerario davvero magico.

L’alternativa, perché no, è anche solo fermarsi al Belvedere e rientrare con calma, godendosi i meravigliosi scorci sul lago di Garda (secondo noi al mattino si gode della luce migliore), tra fiori selvatici, rocce e interessanti testimonianze della guerra. Anzi, se vi capita l’occasione andate a visitare la tagliata del Ponale, l’incredibile opera di ingegneria bellica che si nasconde nella montagna: noi ci siamo stati e ne vale assolutamente la pena (QUI il nostro racconto)

🌍 LUOGO: Alto Garda-Ledro
📍 PARTENZA: Riva del Garda (70 m slm)
📍ARRIVO: Pregasina o Lago di Ledro
⛰️ ALTITUDINE: m 530 (Pregasina) /m 650 (Lago di Ledro)
🚶🏻‍♂️DISTANZA: 6 km (Pregasina) / 10 km (Lago di Ledro)
⏱️ DURATA: 2 ore  (solo andata – Pregasina) / 4 ore (solo andata – Lago di Ledro – rientro consigliato in bus)
⬆️ DISLIVELLO: 460 metri (Pregasina) / 580 metri (Lago di Ledro)
⚠️ PASSEGGINO: zaino o marsupio
🏡 PUNTI DI RISTORO: Ristorante Ponale Alto Belvedere (3 km)
📞 0464 567321

Abbiamo provato la Ponale da Riva del Garda a Pregasina anche in e-bike, QUI il racconto!

ALTRE PASSEGGIATE VISTA LAGO DI GARDA:

Dove dormire nei paraggi? Residence Filanda a Riva del Garda

Maggiori info: www.gardatrentino.it

  • Potrebbe interessarti “Riva del Garda in estate: cosa fare” – scopri QUI la nostra mini-guida
  • o anche “Cosa fare ad Arco in estate”: QUI la nostra mini-guida, perfetta per le famiglie più sportive, ma non solo.
  • Se invece siete alla ricerca di un’esperienza diversa da fare in famiglia nel Garda Trentino, guardate quelle che abbiamo selezionato e provato per voi: CLICCATE QUI