Renon: il Mondo Favoloso di Toni

Se visitate l’Altopiano del Renon non dimenticate di fare il percorso tematico “Il Mondo Favoloso di Toni“, una splendida passeggiata in quota! Toni è un’aquila molto speciale che vive tra le rocce del Corno del Renon e dall’alto osserva il mondo con gli occhi da rapace. Oltre che a essere un’aquila Toni è anche un bravissimo cantastorie. Un cantastorie?! Sì, anche se può sembrare strano è proprio così. Potrete scoprire la sua favola leggendo il piccolo opuscolo a lei dedicato (acquistabile alla biglietteria della cabinovia Tre Vie/Pemmer al costo di 1 euro).

Per arrivare al “Mondo Favoloso di Toni” dovete salire sul Renon, la montagna sopra Bolzano e impostare sul navigatore la direzione “Pemmern” (30 minuti in auto). Arriverete dritti dritti alla partenza della cabinovia Tre Vie/Pemmern. L’ampio parcheggio è gratuito per chi sale con la cabinovia che in pochi minuti vi conduce alla cima del Lago Nero a quota 2071 metri. Da qui parte l’anello di Toni: 2 chilometri in tutto, dislivello quasi nullo e praticabile agevolmente anche in passeggino! Vi attendono ben 11 stazioni, una più divertente dell’altra con punti panoramici, pareti d’arrampicata, giochi d’equilibrio e cunicoli nascosti.

Le attrazioni che ci sono piaciute di più:
  • Il NIDO D’AQUILA. A darvi il benvenuto non poteva che essere il nido di Toni. Si tratta di una bellissima costruzione di pali intrecciati dove i piccoli possono arrampicarsi tra reti, scivoli e passaggi d’equilibrio alla ricerca dei nidi sospesi delle aquile!

  • I GIOCHI D’ACQUA DI TONI. Un divertente percorso kneipp e a pochi passi i giochi d’acqua con dighe, canali, carriole. Impedibile per i piccoli ingegneri in erba!

  • LA DANZA DELLE STREGHE DELLO SCILIAR: una super super giostra a quattro braccia, una via di mezzo tra una teleferica e un dondolo. Qui più si è più ci si diverte!

  • IL VOLO DI TONI E IL SUPER SCIVOLO. Arrivati nel punto più lontano del percorso non perdete il lungo scivolo completamente coperto! A due passi da qui una gigantesca sagoma di Toni che grazie a scale e reti d’equilibrio vi permette di salire lassù, fino alla testa di Toni da dove la vista è davvero mozzafiato.

Gli adulti saranno anche felici di concedersi una bella pausa relax presso i pascoli verdi ben serviti del Rifugio Corno di Sotto. Da qui chi lo desidera può deviare salendo al Rifugio Corno del Renon (2259 metri, 40 minuti di cammino, QUI il nostro racconto) per trovarsi alla sommità della montagna da dove si può ammirare un panorama a 360 gradi.

Come detto, l’anello si chiude tornando alla stazione a monte della cabinovia, non prima di aver incontrato un altro paio di curiose presenze leggendarie. Tra cui la suggestiva grotta del Gigante! Il tempo di percorrenza sulla carta è di circa 1 ora, ma vi assicuriamo che in compagnia dei bimbi ci metterete molto, molto di più!

Qui trovate la nostra guida con tante proposte estive sul Renon.

 

 

0 Condivisioni