Ma lo sapete che percorrendo il sentiero del Parolet sul Monte Bondone avete la possibilità di ammirare Trento dall’alto? E’ il sentiero ideale per tutti coloro che hanno voglia di fare una bella camminata respirando aria buona e godendo di una vista pazzesca, immersi nella natura. Una volta arrivati alle Viote potete lasciare la macchina al parcheggio nei pressi della Capanna Viote o negli spazi che si trovano a bordo strada. Da qui parte la nostra camminata in direzione Garniga, per un breve tratto su asfalto. All’altezza delle Caserme girate a sinistra e iniziate a salire lungo la strada militare che con alcune curve ad “esse” attraversa i prati.Si entra poi nel bosco: la salita diventa leggermente più ripida e nonostante la strada sia ancora larga ci si sente “abbracciati” dalla natura circostante. Si arriva ora alla terrazza panoramica dietro al Palon, dove trovate una croce ed una vista incantevole sulla città di Trento. Passato il valico si prosegue sul sentiero sulla destra, che in poco tempo vi porta alla Baita SAT di Ravina. Da qui si inizia a scendere fino alla Sella del Parolet, si prosegue dritti, per aggirare la cima.Per rientrare bisogna tornare indietro fino alla Sella e prendere il sentiero verso Garniga; si prosegue dritti sul sentiero antincendio lungo le pendici del Palon per poi fare un’ultima piccola salita che vi porta al tornante della strada che collega Garniga alle Viote, da qui proseguite su strada asfaltata fino a concludere l’anello.

La camminata sul sentiero del Parolet non richiede sforzi eccessivi: sono circa 320 metri di dislivello in poco meno di sette chilometri. Il tempo di percorrenza è di circa due ore e mezza senza pause.
Consigliamo di portarvi da bere in quanto lungo il percorso non si trovano fontane dalle quali potersi rifornire. Lungo il sentiero che dal Valico porta alla Baita SAT di Ravina potete osservare numerose opere militari ancora conservate. Una volta arrivati alla Baita (1650 metri) potete riposarvi sulle panchine che trovate, godendo di un suggestivo panorama e – perché no – fare uno spuntino prima di finire il giro (fate attenzione che l’acqua che trovate NON è potabile).Durante la nostra escursione non è stato possibile concludere l’anello a causa di numerosi alberi tagliati, accatastati lungo il sentiero, così dalla Baita SAT di Ravina siamo tornati indietro fino al valico, scendendo poi a ritroso fino al punto di partenza. Finita la camminata abbiamo pranzato alla Capanna Viote è finito di mangiare abbiamo passato il nostro pomeriggio al Parco giochi delle Viote dal quale è difficile poi andare via, tanto belli sono quei giochi!

Per raggiungere il Monte Bondone da Trento, seguite la SP85 in direzione Viote (quarantacinque minuti di auto circa). Da Rovereto potete arrivare ad Aldeno e imboccare poi la SP25 di Garniga seguendo le indicazioni per il Monte Bondone, facendo attenzione all’ultimo tratto che è solo un po’ più stretto (il tempo di percorrenza è più o meno di cinquanta minuti in auto). Se venite dalla Valle di Cavedine seguite invece la SP 84 passando per Lagolo, sempre in direzione Monte Bondone (venticinque minuti di macchina da Lasino).

Sempre sul Monte Bondone trovate: