Laghi di Monticolo

Due specchi d’acqua, uno grande ed uno più piccolo, immersi in un meraviglioso contesto naturale a circa 500 metri di altitudine. Entrambi balneabili, ognuno ha un bel lido con prato inglese e pontili in legno da cui è possibile fare i tuffi. Altrimenti l’accesso è dato da piccole spiagge di terriccio.
IMG_6901
Non lontano dal lago di Caldaro, potete arrivare ai laghetti di Monticolo sia da Bolzano (16 km, che dal casello autostradale di Ora, 22 km. Entrambe le strade impiegano una mezz’ora). Molto bello il sentiero che permette di effettuarne il giro completo in un’ora circa: prevalentemente al riparo del rigoglioso bosco misto di conifere e latifoglie. In questo periodo splendide ninfee fiorite fanno capolino sul pelo d’acqua con la loro appariscente bellezza.
IMG_6898

Informazioni pratiche:

  • l’ampio parcheggio è a pagamento, ma i costi sono decisamente contenuti: fino a tre ore un euro in totale, da tre a cinque ore 1,50 euro; sopra le 5 ore 2 euro.
  • costi lido lago piccolo: 2, 50 euro i bambini, 3,50 gli adulti. Ingresso cani vietato, così come il gioco del calcio
  • costi lido lago grande (aperto dalle 9 alle 19): 7 euro adulti, 3,5 bambini e gli over 65. Noleggio barche: ogni mezz’ora 5 euro. Sdraio 4 euro, dalle 15 2 euro; ombrellone 3 euro
  • ristoranti: sia da fonti che frequentano spesso il posto, sia dalle recensioni di Tripadvisor, il ristorante bar Lago di Monticolo Piccolo sembra non particolarmente consigliato. Il ristorante dello Seehotel Sparer pare invece sia molto buono, ma decisamente su di prezzo.
  • è possibile percorrere il sentiero attorno ai due laghi anche con il passeggino (solo poche decine di metri difficoltosi a causa di radici a terra e breve pendenza). Se volete fare un’altra passeggiata ecco il percorso che porta al lago di Caldaro in un’ora e mezza lungo la valle della Primavera. Consigliata proprio in questa stagione, o in autunno, perché d’estate fa troppo caldo…sarà per questo che si chiama così o per i tanti fiori che la abbelliscono con il finire dell’inverno?

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *