Faggi, meleti e una locomotiva a Caldaro

Quella che vi raccontiamo oggi è una semplice passeggiata ideale per tutta la famiglia anche per i più piccoli in passeggino, piacevole in ogni stagione. Il percorso è in gran parte pianeggiante (a parte una breve salita) e collega Appiano e Caldaro, paesi immersi nel verde nelle incantevoli zone dell’Alto Adige, tra cui ricordiamo anche i meravigliosi Laghi di Monticolo (QUI il nostro racconto), il bel giro al Lago di Caldaro e le infinite passeggiate nei dintorni (Valle della Primaverada Caldaro a Castelchiaro). Potete lasciare la macchina nell’ampio parcheggio nei pressi della Cantina di Caldaro. Qui troverete ad “aspettarvi” e, i bambini la noteranno sicuramente, una vecchia locomotiva a vapore. Il tragitto si snoda infatti sul tracciato della ferrovia che un tempo collegava Bolzano a Caldaro. Si prosegue a tratti all’ombra di alti faggi
e a tratti invece si apre davanti a noi una meravigliosa vista sulle campagne circostanti.
Lungo il tragitto si incontrano diversi parchi gioco, molto graziosi e curati, il primo in particolare ha una bellissima casetta in legno che ha subito colpito l’attenzione dei più piccoli, scivolo e altalene, sabbiera… e alcune panche con tavoli per una breve sosta o un pic nic.

Si arriva poi alla storica trattoria Christl im Loch, troverete anche le indicazioni sui cartelli lungo il percorso (aperta fino al 3 novembre)

Molto carina lungo il percorso una “finestra” in pietra che si apre sulle colline circostanti incorniciando il paesaggio come un quadro. (perfetta per scattare qualche foto) .

Arrivati in fondo alla strada, all’altezza di San Michele, frazione del comune di Appiano troverete un piccolo parcheggio con una piantina e un antico casale sulla vostra destra.
Da qui potete ritornare dalla stessa strada dell’andata oppure fiancheggiare il casale e ritornare al punto di partenza percorrendo la strada che si snoda tra vigneti e meleti esattamente sotto al percorso precedente.
Si tratta di un giro ad anello, immerso nel verde, con magnifici colori e una gran quiete. Bellissimo nelle mezze stagioni, ma affascinante anche in inverno, noi ci siamo stati il primo giorno dell’anno (qui qualche foto).

L’ultimo pezzo di strada come anticipato è in salita, ma comunque fattibile…con calma e qualche pausa si arriva nuovamente alla maestosa locomotiva che sembra essere lì ad aspettare gli sguardi affascinati dei bambini.