Il Canyon del Limarò è un’imponente gola scavata nei secoli dal fiume Sarca tra rocce calcaree rosse. Questa bellezza naturale si trova a poca distanza dalle Terme di Comano e si raggiunge con una facile camminata di circa 20 minuti. Se siete amanti della natura questa tappa è d’obbligo: resterete meravigliati dalla potenza dell’acqua nel plasmare la pietra.

COME ARRIVARE

Il canyon si trova poco sotto la frazione Villa Banale di Stenico, e si raggiunge solo a piedi. Da Trento si prende la SS237 in direzione Sarche e poi si prosegue verso Ponte Arche.

Ci sono due modi per raggiungere la forra: si può lasciare la macchina presso il parco delle Terme di Comano e percorrere parte del Cammino dell’Acqua, che in 2 chilometri porta all’inizio del sentiero per il canyon. Oppure, come abbiamo fatto noi, si può parcheggiare proprio in prossimità dell’imbocco del percorso panoramico. Attenzione però che ci sono solo tre posti.

Da qui non è possibile proseguire con i passeggini, il fondo sterrato non è pianeggiante, e in caso di bimbi piccoli vi consigliamo dei marsupi da montagna. Il primo tratto, in discesa, conduce ad un ponte che attraversa la forra. Si prosegue lungo il sentiero, ora in salita, seguendo le indicazioni e si raggiunge una prima terrazza panoramica. Resterete a bocca aperta per tanta bellezza. Il rumore in sottofondo poi regala una pace assoluta.

Prima di dirigerci al secondo terrazzamento deviamo per il vecchio Ponte Baladin. La prospettiva del canyon da qui è ancora più suggestiva: fermatevi per ammirare le sculture naturali create dall’acqua. Arrivati all’ultimo punto panoramico potete poi ripercorrere lo stesso sentiero fino a rientrare alla macchina.

Il tempo di percorrenza è soggettivo, noi tra andata e ritorno e le soste per apprezzare il canyon ci abbiamo impiegato poco più di un’ora.

 

NEI DINTORNI

Per gli amici camperisti consigliamo l’area sosta camper di Comano Terme, tutte le informazioni QUI

Per conoscere tutto quanto di imperdibile offre il territorio di Comano consultate la nostra mini guida “Cosa fare a Comano e dintorniQUI