Tag - Castelli per bambini Alto Adige

Castel Roncolo a Bolzano: affreschi e meraviglia

A Bolzano c’è un castello davvero speciale, perfetto anche quando piove: è Castel Roncolo (Runkelstein Schloß)! Sarebbe affascinante anche senza conoscerne la storia: conservato molto bene con moltissimi scorci curati tra fiori e oggetti d’epoca. Edificato nel 1237 su uno spuntone di roccia, il castello è stato più volte ampliato e restaurato e conserva splendidi affreschi che narrano scene di vita cortese, episodi di caccia, tornei cavallereschi e momenti di vita quotidiana, che lo rendono importantissimo in quanto si tratta del più grande ciclo di affreschi profani di epoca medievale in Europa.

Visitare il castello tramite una visita guidata è molto interessante. Noi abbiamo in particolare apprezzato la “stua da bagno” (chiamata così inizialmente per una falsa interpretazione degli affreschi) che riesce a dare uno spaccato della moda dell’Ottocento. In altre sale e grazie ad altri affreschi si possono scoprire anche tante informazioni sul tempo libero: a noi ha incuriosito la parte legata al gioco, in particolare con la palla. Per le famiglie, prenotando per tempo, è possibile aderire a delle visite guidate didattiche tra cui spicca quella alla ricerca degli animali fantastici. Carina anche la caccia al dettaglio che si può fare in autonomia chiedendo alla biglietteria le schede in cui segnare i dettagli che si devono cercare all’interno degli affreschi e che, se ritrovati, danno diritto a un piccolo premio.

Non mancano gli spunti letterari come la rappresentazione delle avventure di Tristano e Isotta e quelle di Re Artù con i suoi cavalieri della tavola rotonda. Molto interessanti anche le manifestazioni culturali e le mostre che animano periodicamente la corte e le sale del castello.

Oggi il castello è raggiungibile a piedi in circa mezz’ora dal centro di Bolzano lungo il Talvera e rappresenta un’importante attrazione turistica per la città. Soprattutto il famoso e prezioso ciclo di affreschi profani del medioevo attira numerosi appassionati di arte e storia.

Al suo interno trovate anche un bar ristorante: l'”Osteria Castel Roncolo”, con un menú niente male.

Orari d’apertura:
> da martedì a domenica
> dalle ore 10.00 – 18.00 (da novembre per tutto l’inverno: 10.00 -17.00)

QUI per rimanere aggiornati su tariffe e orari.

Visite guidate: su prenotazione. Alle ore 15 in lingua tedesca, alle ore 16 in lingua italiana. QUI per maggiori info

Per maggiori informazioni chiamare Castel Roncolo al numero 0471 329808

Giro dei castelli di Appiano

Oggi eravamo alla ricerca di una passeggiata non troppo lontana da casa e in valle per apprezzare al meglio queste prime giornate primaverili, il sole che riscalda, i primi fiorellini nei boschi…

Così abbiamo deciso di fare il giro dei castelli di Appiano, un giro davvero meraviglioso a pochi minuti di strada dall’uscita di Bolzano sud che ci regala degli scorci spettacolari sull’intera Val d’Adige, l’Oltradige e la conca di Bolzano.

Percorso adatto a bambini dai 3/4 anni in su che camminano in autonomia, vedrete che si divertiranno un sacco. Non adatto invece a passeggini, ma abbiamo incontrato diversi genitori con zaini o fasce porta – bebè.

Abbiamo lasciato la macchina nel parcheggio di Castel Corba (che ora ospita un hotel e un ristorante) nel piccolo paese di Missiano e da qui abbiamo seguito la strada (all’inzio asfaltata, poi forestale) che porta al Castello di Appiano.

Si raggiunge il castello con una passeggiata di un’oretta che parte tra le vigne e che poi si snoda all’interno del bosco, la strada è tutta in costante salita ma il panorama che si scorge attraverso gli alberi è davvero meraviglioso. In ogni caso ci sono tantissime panchine lungo il sentiero, quindi è possibile fare diverse pause per riprendere fiato.

Circa a metà strada si incontra quella che abbiamo deciso fosse “un’antica torre di vedetta“: 3 muri diroccati di cui ci siamo divertiti ad inventare la storia.
20160326_112344

Ad accompagnarci lungo la via invece una vera vecchia torre di guardia che abbiamo osservato dalle diverse angolazioni.

Finalmente, verso ora di pranzo, siamo arrivati a Castel Appiano: davvero suggestivo! Alcune panchine dove sedersi, un bel prato dove poter fare un pic nic e alcuni simpatici animaletti da guardare a accarezzare.

Qui vi aspetta la bella taverna del castello con un’atmosfera medievale del cortile dove vengono serviti manicaretti tipici della gastronomia locale. Il piatto forte sono i canederli, nelle loro tante varianti, ma tra le voci del menù figurano anche altre specialità tradizionali, come gulasch, polenta, lasagne e taglieri carichi di salumi, affettati e formaggi in puro stile altoatesino. Per informazioni e prenotazioni, potete contattare la taverna di Castel Hocheppan, telefonando al numero 333 6698212 

Ogni angolo di questo posto riserva una sorpresa e il panorama che possiamo ammirare è davvero meraviglioso.

Dopo aver recuperato le energie abbiamo deciso di riprendere il nostro giro e abbiamo seguito le indicazioni per Castel Boymont, raggiungibile in una quarantina di minuti passando attraverso una profonda gola. Qui bisogna fare attenzione, il terreno è reso sdrucciolevole dal manto foglioso che lo ricopre, si rischia di scivolare ma è anche la parte più divertente di tutta la passeggiata.

La gola si risale grazie ad una ripida scalinata che ci riporta rapidamente in alto. Da qui si prosegue tra sassi, radici e foglie: una vera immersione in un paesaggio fatato da cui si possono godere meravigliosi scorci della vallata sottostante.

 

Le rovine di Castel Boymont si raggiungono grazie ad un’altra piccola salita, ma una volta arrivati in cima anche qui possiamo godere di un’ampia vista sulla Valle dell’Adige e approfittare di comode panche e tavoli per una merenda o semplicemente una pausa rigenerante.

Il sole caldo, il silenzio e la pace di questo luogo, uniti ad un panorama impareggiabile ci hanno davvero conquistati …
20160326_143703

Da qui in una mezz’oretta si ritorna a Castel Torba. Una discesa un po’ ripida nel bosco, ci riporta alla macchina. I bambini stanchi ma decisamente entusiasti per questa bella avventura  e noi adulti rigenerati.

Nei dintorni vi consigliamo anche la passeggiata che collega Appiano a Caldaro tra meleti e parchi gioco. Il lago di caldaro e l’escursione fino a Castelchiaro. Imperdibile anche la gola del Rastenbach.

 

Wolfsthurn: il castello delle 365 finestre!

Avete mai sentito parlare del maniero delle 365 finestre?! Sopra la località di Mareta, in Val Ridanna (20 minuti d’auto da Vipiteno) si erge imponente il castello di Wolfsthurn, che ospita tra l’altro l’interessante museo della caccia e della pesca, sezione del Museo etnografico di  Teodone. Con le sue 365 finestre appunto questo maniero barocco è uno dei castelli più belli del Tirolo. Tra sale festose e ricche i bimbi si lasceranno sicuramente coinvolgere dalla ricca collezione di accessori della caccia e della pesca e dai tanti animali imbalsamati che si trovano al secondo piano nobile.

Molto interessante è anche la sezione pedagogica che si trova nelle cantine del castello. Qui i bambini possono sbizzarirsi nel riconoscere i versi degli animali, scovarne le impronte, giocare con le corna dei cervi!

Da non perdere anche il sentiero tematico “Bosco e Acqua” che si snoda per circa 1 km dal paese al castello ed è percorribile anche in passeggino.

Un bel itinerario all’ombra del bosco (ideale se cercate riparo dal caldo durante l’estate) che segue il corso di un bel torrente tra installazioni artistiche. Le diverse stazioni e i tabelloni forniscono in modo semplice e chiaro informazioni interessanti sul bosco e sull’acqua. Alla fine una bella sorpresa! L’area faunistica con i daini bianchi! 

Il castello si trova sopra Vipiteno, ad un’ora e mezza da Trento.

Per maggiori info chiamare al numero 0472 758121 www.wolfsthurn.it

Aperto dal 1° aprile al 15 novembre

Orario: 10.00 – 17.00.

Domenica: 13.00 – 17.00

Giorno di riposo Lunedì. Chiuso il 1° novembre.

Se siete in zona naturalmente non potete perdere la vista alle Miniere della Val Ridanna (qui tutte le info).

Volete fermarvi a dormire in zona?! Obbligo prenotare allo Schneeberg Family Hotel (10 minuti da qui). Un vero paradiso per le famiglie ed i bambini. Parola nostra che lo abbiamo provato! Qui tutte le info…

Castel Rodengo

L’animata storia di questa inespugnabile fortezza, situata su uno sperone di roccia sopra la Valle della Rienza, trasforma la visita del Castello di Rodengo in un’avventura per tutta la famiglia. Costruito nella prima metà del XII secolo come fortezza, il castello deve la sua architettura attuale ai Conti di Wolkenstein che lo hanno restaurato nel XVI secolo.

Le storie cavalleresche e l’atmosfera medievale risvegliano la fantasia dei bambini. Inoltre i racconti sul processo per stregoneria contro il famigerato Mathias Perger, chiamato anche Masticabrodo, eseguito nel 1645 presso il castello, sa far rabbrividire più di un visitatore. Il culmine è rappresentato sicuramente dal ciclo di affreschi scoperto nella sala dei ricevimenti nel 1972. Gli affreschi, caratterizzati da una grande intensità di colore e di espressione, raccontano le 12 avventure dell’epopea di Hartmann von Aue.

Data di apertura: 29 maggio 2022
Giorno di chiusura: sabato
Visite guidate: alle ore 11:30 e alle ore 14:30

Ulteriori informazioni: 391 7489492

Castel Rodengo si trova ad un’ora e venti da Trento, direzione Bressanone.

Photo credits: valpusteria.com; sentres.com; bussoladiario.com, valleisarco.info

Castel Coira

Castel Coira in val Venosta (Sluderno, un’ora e 40 da Trento, passando per Merano) è uno dei castelli più belli e meglio conservati dell’Alto Adige.

Il nucleo più antico del castello, risalente al periodo romanico, è formato dal mastio, dal palazzo e dal muro di cinta che circonda un ampio cortile interno. Fino al XVI secolo il castello mantenne il suo aspetto atlomedioevale, quando i Conti Trapp,iniziarono ampi lavori di ristrutturazione e di nuova edificazione. Si aggiunsero quindi alla struttura ulteriori edifici abitativi, bastioni, una cappella, un loggiato e terrazze del giardino in stile gotico. Verso la metà del XVI secolo, l’antico castello venne trasformato in una ricca residenza rinascimentale.

castel coira grande

Il castello, rimasto fino ad oggi intatto, conserva al suo interno oggetti antichi quasi perfettamente conservati: una scultura della Madonna risalente al 1270, le incisioni lapidarie nella cappella come anche il bellissimo porticato dipinto con la volta rinascimentale fatta di marmo di Lasa.

All’interno di Castel Coira si trova la più grande armeria del mondo. Nella sala delle armature sono conservate più di 50 armature complete, come anche spade ed altre armi difensive, tutti in un ottimo stato.

Castel Coira è visitabile solo con la guida, e la visita dura all’incirca un’ora. L’orario delle visite è dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16.30.

Giorno di chiusura lunedì (salvo festività particolari).

Castel Coira

Le sale e le stanze che vengono mostrate sono: la Loggia, la Stanza di Giacomo e la Biblioteca, la Sala degli Antenati, il cammino di ronda, l’Armeria, la Vecchia Cappella, le Vecchie Scuderie (Negozio), la terrazza (sala d’attesa), il cortile esterno e interno e la Cappella di San Giacomo.

Prezzi d’ingresso

  • Adulti Euro 10,00
  • Famiglie Euro 19,00
  • Gruppi adulti Euro 8,00 (min. 15 persone)
  • Gruppi alunni Euro 4,00
  • Gruppi studenti Euro 5,00

Visitabile dal 20 marzo al 31 ottobre 2016.

Per maggiori info 0473 615 241

Essendo il castello una residenza privata non è soggetto agli obblighi di legge riguardanti le barriere architettoniche.

Fotografie www.churburg.com