Tag > FORMAGGIO

Malga Rolle

*Aperta tutti i giorni da inizio giugno a ottobre. Per info: 0439 768659*

La malga è posta poco a valle del Passo Rolle, sotto le imponenti Pale di San Martino. Ai piedi del Cimon della Pala, questo posto vi consentirà di fare un balzo nel passato, attraverso le usanze genuine di un tempo. Dall’assaggiare gli strangolapreti con la ricotta affumicata ed i formaggi, tra tutti la Tosèla ed il Nostrano di Primiero, in vendita presso un piccolo punto vendita. Qui si possono acquistare i prodotti del Caseificio Sociale di Primiero che gestisce direttamente l’attività. Da qualche anno, la panna prodotta a Malga Rolle viene utilizzata per produrre il Botìro di Primiero di malga, burro d’alpeggio a panna cruda Presìdio Slow Food.

Servizi: ristorazione, merende, vendita prodotti propri e locali.

Come raggiungerla: si arriva comodamente in auto da San Martino di Castrozza o da Predazzo percorrendo la ss delle Dolomiti. Punto di partenza e arrivo per facili escursioni come quella ai Laghetti del Colbricon (40min), percorribile anche con passeggini.

Info: tel. 0439 768659

Malga Sass, la bellezza della quiete

*Aperta da inizio giugno ai primi di ottobre*

Malga Sass, segnalata anche come Malga delle Buse del Sasso, si trova in una location davvero unica e suggestiva: a 950 metri di altitudine, nel gruppo del Lagorai, sotto le vette del Cimon del Tres e della Pala Delle Buse. In cima alla Valfloriana, la valle dei fiori, compresa tra val di Fiemme e val di Cembra. Un luogo ancora incontaminato, un piccolo angolo di paradiso immerso nei bellissimi boschi di abete rosso e di larici. Attorno alla malga si possono ammirare vaste distese di prato fiorito oltre ad un meraviglioso panorama delle vette del gruppo del Cevedale, sino alle cime del Similaun. Bellissima e alla portata di tutti la passeggiata (circa 30 minuti) che porta ai Pradi de la Fior da cui si gode di uno splendido panorama sulla Val di Fiemme. In malga vi sono diversi animali: mucche e vitellini, ma anche maiali e api, con un’interessante arnia didattica per conoscere i loro segreti.

Servizi: produzione formaggi e miele. Ristorazione (consigliata la prenotazione) e pernottamento con 9 stanze (camerata, matrimoniali e stanze doppie) costruite interamente con legno della zona per un totale di 25 posti letto e due bagni in comune.

Come raggiungere la malga: in auto, su strada asfaltata. Da Trento si prosegue per Pergine Valsugana, imboccando la statale 47 della Valsugana sino all’uscita del Cirè. Si lascia la statale proseguendo per Cavalese, ci sono due strade pressochè identiche: andando diritti si passa per l’altopiano di Pinè, svoltando verso Civezzano si prende la strada della Valle di Cembra. Entrambe le strade portano a Sover, dove si prosegue per Cavalese. 4 chilometri dopo Sover si giunge a Casatta, sede municipale della Valfloriana, al semaforo si svolta a destra e si prosegue diritti per 10 chilometri, sino ai 2000 metri di malga Sass.
Dalla Val di Fiemme si prosegue invece verso Castello di Fiemme, si prende la direzione per la Valsugana e giunti a Casatta dopo il semaforo si svolta a sinistra e si prosegue diritti per 10 chilometri, sino ai 2000 metri di malga Sass.

Info e prenotazioni: 340 7229496 – pinetanamalghe@agritel.it

Malga Canali

*Aperta tutto l’anno, fuori stagione giorno di chiusura lunedì, per info: 320 8326226*

A sette chilometri da Tonadico è una meta imperdibile per chi ama il buon cibo e la cura dei particolari. Lucia e Rita e la sua famiglia conquistano subito gli ospiti per un senso dell’ospitalità fuori dal comune. Aperta tutto l’anno, sia a pranzo che a cena, per trovare posto è assolutamente necessario prenotare, soprattutto nel fine settimana. Cucina caratterizzata da materie prime scelte, spesso autoprodotte, e piatti della tradizione. Splendido il contesto naturale: intorno prati, pascoli, il bosco misto di faggi e abeti e come contorno una magnifica corona di monti: il Castelaz, la Cima d’Oltro, il Sass d’Ortiga, la Pala del Rifugio Treviso. E’ il punto di partenza per numerosi itinerari escursionistici ed alpinistici: un sentiero porta in poco meno di un’ora al Rifugio Treviso (1.631 metri). Ci si arriva comodamente con la macchina. Chi invece vuole fare una bella passeggiata tra boschi e prati può parcheggiare al ristorante Can del Gal e proseguire sul sentiero che in 45 minuti porta alla malga.
malga canali - stradadeiformaggi.it (12)

Come raggiungerla:
si arriva comodamente in auto. Per raggiungere la malga si prende la strada che da Tonadico sale al Passo Cereda, dopo circa 3 km al bivio su un tornante si va a sinistra seguendo le indicazioni per Val Canali; lasciata sulla destra la Villa Welsperg, sede del Parco, si prosegue diritti entrando nel territorio del Parco e costeggiando il Rio Canali che scorre nel suo letto bianco di ciotoli. Arrivati al parcheggio in prossimità dell’albergo Cant del Gal, si sale a destra per la stradina della Val Canali fino al parcheggio, sopra a sinistra c’è la malga. La strada è asfaltata e libera al transito. La si può raggiungere a piedi, su strada asfaltata, da Villa Welsperg, sede del Parco Naturale di Paneveggio, o dal paese di Tonadico seguendo il sentiero Tonadico – Cimerlo (circa 1 h e 30 di cammino).  E’ il punto di partenza per numerosi itinerari escursionistici ed alpinistici: un sentiero porta, in poco meno di un’ora, al Rifugio Treviso (m. 1.631) con possibilità di proseguire per il Passo Canali (m 2.469) e il ghiacciaio della Fradusta oppure verso il Passo Cereda.